GEA ha maturato  una solida esperienza in ambito di progettazione locale, nazionale ed europea in ambito sociale, educativo, socio-sanitario. 

La  costruzione partecipata  di una società inclusiva e multiculturale è la lente con cui vengono verificati programmi e bandi,  e costruiti i partenariati locali ed internazionali.

Networking, co-progettazione, empowerment e protagonismo dei beneficiari sono i criteri metodologici privilegiati.

Strumenti e linguaggi di intervento sono diversificati, spaziando da approcci di capacity building e ricerca-intervento sociale, fino ad interventi socio-educativi non formali, che promuovano sport, teatro ed altre espressioni artistiche come strumenti di inclusione.

Gli ambiti della progettazione riguardano – prioritariamente ma non esclusivamente –  servizi educativi, scolastici e socio sanitari, politiche giovanili, di partecipazione e cittadinanza attiva, di contrasto alle povertà educative, inclusion ed antidiscriminazione, giustizia riparativa, accoglienza di richiedenti protezione internazionale e, in generale, di persone vulnerabili.   

I  progetti su cui GEA ha operato ed  attualmente interviene in qualità di Ente capofila o partner sono finanziati principalmente da istituzioni pubbliche e programmi Italia (F.A.M.I. – Fondo asilo migrazione e integrazione –  del Ministero dell’Interno, Cassa Ammende del Ministero di Grazia e Giustizia, EELL, Fondazioni pubbliche e private, Fondi otto per mille…)  ed istituzioni pubbliche e programmi UE (Erasmus, Europe for Citizens,  Justice…). 

Dal 2008 GEA ha partecipato ad oltre 50 progetti comunitari, collaborando con istituzioni pubbliche ed organizzazioni private, networks transnazionali di oltre 18 differenti Paesi dell’Unione Europea. 

Per la realizzazione dei progetti e lo sviluppo delle riflessioni culturali sottostanti, GEA aderisce a titolo di socio ad una pluralità di federazioni, consorzi, soggetti associativi nazionali ed europei (v. sez. Partner e Reti)